Frequently Asked Questions - All FAQs

FAQs - All FAQs

Esistono diversi tipi di inserimento, totale e  parziale completamente personalizzabili. Occorre programmare la centrale con un tipo di inserimento totale e uno personalizzato per la notte.

Esiste la modalità “Test Sensori” per verificare il corretto funzionamento di ogni sensore. Ad ogni sollecitazione di un sensore la centrale visualizzerà sul display il nome assegnato al sensore.

Le barriere ad infrarosso attivo sono utilizzate per le protezioni perimetrali di breve e media portata (soprattutto, finestre e porte balcone). Sono composte di due elementi (TX/RX) che generano un fascio incrociato di luce non visibile (infrarosso, appunto) che fa scattare un allarme se interrotto. Questo tipo di barriere sono particolarmente indicate per situazioni dove l’accesso dall’esterno è facile – pensiamo ad esempio ad una villetta con un giardino e diverse porte e finestre – o quando si abbia la necessità di tenere una porta aperta – magari d’estate per favorire l’ingresso di aria fresca. Sono disponibili in versione sia filare che via radio.

Le barriere a microonda sono generalmente usate per protezioni perimetrali di lunga portata, ma si possono trovare anche in applicazioni quali il perimetro di una villetta o il cortile di un piccolo stabile. Il loro funzionamento è simile a quelle ad infrarosso – l’interruzione di un segnale controllato dai due elementi (TX/RX) genera un allarme – solo che si utilizza una tecnologia diversa (la frequenza di lavoro è quella della microonda, simile al radar).

La centrale controlla costantemente la presenza della rete elettrica e ne segnala la mancanza, sia tramite l’invio di SMS (se presente il GSM), sia tramite chiamata PSTN se presente il combinatore, che tramite il display LCD posto sul pannello. L’impianto è in grado di funzionare anche senza la corrente, perché dispone di una batteria a tampone che interviene in assenza di rete e viene ricaricata in presenza della rete.In base alla norma EN50131 si deve garantire almeno un'autonomia di 24h.

I sensori di vibrazione vengono tipicamente installati sulle porte ed hanno lo scopo di segnalare un allarme in caso di tentativo di sfondamento. Il sensore rileva le (forti) vibrazioni tipiche di un tentativo di scasso e genera un allarme. Un sensore di questo tipo risulta particolarmente utile in fase di prevenzione in quanto fa scattare l’allarme prima che la porta venga definitivamente scardinata ed aperta, mentre il contatto magnetico semplice entra in funzione solo a scasso avvenuto.

Nel caso di presenza di animali domestici i sensori perimetrali permettono di proteggere il perimetro senza essere disturbati, i sensori volumetrici devono essere di tipo PET IMMUNE,in qualsiasi caso una buona taratura risolve i problemi. Per stare ancora più sicuri si può integrare una Video Verifica che ci permette di discriminare i falsi allarmi da quelli reali.

La Video Verifica in un impianto permette di visualizzare in remoto, iPad,  iPhone, PC, le immagini di cosa ha generato l'allarme.

I sensori oltre a rilevare un allarme inviano 1, 3, 5, fotogrammi dell'area sorvegliata, permettendo di video verificare se si tratta

di un falso allarme.

Si, sarebbe semplicemente inutile vendere un sistema di allarme non sicuro. Impianti di allarme filari devono essere installati cablando l'intero oggetto da proteggere quindi l´istallazione non é facile se l´impianto filare non era stato previsto dall´inizio. Un impianto di allarme senza fili invece é di facile istallazione e non richiede che si effettuino istallazioni in traccia ed i componenti vengono semplicemente fissati al loro posto con viti o nastro biadesivo, a scelta. Le batterie sono sempre di lunga durata e non richiedono frequenti sostituzioni. Gli impianti wireless devo essere su frequenze omologate 433 o 868.

Le frequenze per le comunicazioni radio per i sistemi di allarme senza fili secondo l´ ETSI (European Telecommunications Standards Institute) sono le seguenti (chiamato anche bande ISM): MHz 27, 40, 433 e 868.Nell'area della banda 868 MHz sono riservati anche quattro canali appositi per le applicazioni di sicurezza come ad esempio sistemi di allarme. In altre bande di frequenza, trasmettono anche altri sistemi wireless, come, ad esempio, sistemi monitoraggio bambini a 433 MHz, apriporta garage, termostato senza fili, radio amatoriali, telecomandi per automobili ecc.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo